Pubblicato da: lary1984 | novembre 28, 2007

“Vicoli verdi” a Chicago

Chicago, la terza città d’America, detiene la rete viaria più capillare del Paese con ben 3200 km di stradine e viuzze.  I vicoli fanno da sempre parte del paesaggio urbano di questa città (una superficie di manto stradale pari a 5 aeroporti di media dimensioni) e i cittadini hanno imparato a conviverci.

La presenza di bidoni della spazzatura e garage in grande quantità permette sicuramente di gestire al meglio la congestione del traffico e la pulizia delle strade, ma questo non è sufficiente a garantire che le strade non si allaghino durante le piogge e, soprattutto, il rispetto dell’ambiente a causa proprio della presenza massiccia dell’asfalto.

Nasce così l’iniziativa “Vicolo Verde”, cioè un progetto per la ristrutturazione della strade pubbliche a livello nazionale: Chicago riasfalterà le sue strade secondarie con materiali eco-compatibili, attraverso cui l’acqua piovana può direttamente penetrare nel terreno (grazie all’asfalto poroso), filtrata da uno strato roccioso e infine arrivare alle falde acquifere. Inoltre i nuovi manti stradali sono in grado di riflettere il calore del sole (anzichè assorbirlo), trattendendo quindi il calore d’inverno e mantenendo una temperatura fresca nei mesi estivi.
Saranno impiantati anche nuovi lampioni a risparmio energetico, in grado di ridurre il riverbero e costruiti con materiali riciclati.

Questo intervento dovrà però essere sostenuto da un nuovo programma di riciclaggio di ampia portata e altre iniziative verdi che consentiranno a Chicago di diventare una delle città per eccellenza sensibile alle tematiche ambientali. Permessi più veloci per le imprese edili che si adeguano alle nuove tecniche pro-ambiente, incentivi per ridurre i consumi energetici nelle vecchie costruzioni e mezzi per monitorare la qualità dell’aria. Nuovi parchi sono nati e nuovi alberi piantati.

Grandi costi si prevedono ma questi saranno equilibrati rispetto a quelli che sarebbero gli eventuali costi di una manutenzione degli impianti esistenti, conviene scegliere l’innovazione sulla ristrutturazione del vecchio!

E’ interessante vedere che la città che diventerà il nuovo modello ecologico, sia proprio una città con un passato di forte industria pesante e con una tradizione di inflessibilità. Si spera che anche in altre città si scelga questa via orientata al progresso e al rispetto dell’ambiente.

Annunci

Responses

  1. —– Original Message —–
    From: Domenico Schietti
    To: carabinieri@carabinieri.it ; urp.mi@poliziadistato.it
    Sent: Wednesday, November 28, 2007 7:35 PM
    Subject: OGGETTO: DENUNCIA SETTA DEGLI INGEGNERI SCIENTISTI

    CARISSIMI,

    IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO E’ UNA TRUFFA

    Vi ricordo che con una semplice stufetta elettrica è possibile riscaldare una casa senza dover ricorrere a metano, gasolio, legna o altre schifezze.

    Anche oggi a Milano invece che bruciare il metano (o foglie delle nostre comunità montane) in apposite centrali termoelettriche e poi far viaggiare la corrente, e scaldare le case con le stufette elettriche, viene fatta energia direttamente nelle case emettendo gas inquinanti.

    Anche stanotte invece che usare gli esuberi di corrente dell’alta tensione per caricare auto elettriche, ad idrogeno o ad aria compressa, sono stati buttati via milioni di kilowattora e vengono usati motori inquinanti.

    Vi ricordo che Milano è la città più inquinata del mondo e che a sindaco c’è un petroliere.

    Si tratta di un complotto ordito da sadomasochisti per prendere in giro e far ammalare bambini, lavoratori ed anziani, e godere delle loro sofferenze

    PER LA MILIONESIMA VOLTA VI COMUNICO ANCHE CHE HO INVENTATO UN METODO PER FARE ACQUA POTABILE CON LA SERPENTINA AL PREZZO DI 0,002 AL LITRO ANCHE IN MEZZO AL DESERTO DEL SAHARA

    Non posso frequentare da anni i miei amici, devo vivere in povertà assoluta in semiclandestinità, mi hanno usurpato decine di mie idee vendendo centinaia di milioni di prodotti derivati dalle mie idee.

    Il mondo è dominato da alcune gang che fanno il bello e il cattivo tempo su scala globale.

    Vi ricordo anche che ormai da anni ho confutato la legge di Boyle – Mariotte dimostrando che tutto quello che viene insegnato nelle scuole e nelle università scientifiche è falso e quindi che la setta degli ingegneri scientisti manipola la verità per ottenere decine di miliardi di euro di finanziamenti pubblici.

    Vi prego di intervenire, di iniziare le perquisizioni nelle università, nelle sedi dei media, e di diffondere la notizia che non esiste nessun problema energetico, ma che si tratta di un complotto globale.

    Domenico Schietti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: