Pubblicato da: lary1984 | dicembre 2, 2007

Il Papa sfida l’Onu: poco rispetto per i valori morali

Parlando con i rappresentanti delle Ong cattoliche accreditate presso le Nazioni Unite, Benedetto XVI attacca l’Onu, tacciandolo di “relativismo morale”, con poco rispetto per la dignità dell’uomo e per la legge morale naturale. Secondo il Pontefice, le azioni dell’organizzazione sarebbero basate su ragioni politiche e non etiche, imponendo stili di vita che calpestano il valore della vita. In particolare, Ratzinger si riferisce alla difesa a suo dire selettiva dei diritti dell’uomo, alla mancanza di preoccupazione verso i bisogni economici e sociali delle nazioni più deboli e al disprezzo per la legge umanitaria.

Accuse che sono la naturale conseguenza delle idee espresse nell’Enciclica “Spe Salvi” e che, estese alla questione Onu, sarebbero un ulteriore monito sul fatto che nessuno, nemmeno le Nazioni Unite, possono agire come se Dio non esistesse.

Queste parole non sono che il seguito delle polemiche intercorse fra il Vaticano e Amnesty International riguardo al diritto all’aborto.

Un attacco senza precedenti che gli esponenti dell’Onu hanno respinto ricordando al Papa che l’organizzazione si fonda su un patto di unità fra Stati e su un rispetto costante dei diritto dell’uomo (basti pensare alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo).

Ritengo che il Pontefice, spingendosi in un ambito che non è di sua competenza, ma riguarda l’intera società civile a prescindere dalla eventuale fede religiosa, stia oltrepassando qualsivoglia limite di buon senso: etichettare una organizzazione internazionale nata proprio nel rispetto delle libertà e dei diritti di tutti gli esseri umani e impegnata in tal senso con diverse iniziative da parecchio tempo è un atto ingiusto e profondamente illegittimo.
Quante volte la Chiesa Cattolica, con i suoi immensi tesori, ha aiutato le imprese benefiche delle organizzazioni di solidarietà internazionali? Quante volte la Chiesa ha risposto con documenti di spicco alla necessità di norme per la convivenza civile? Come si è impegnata concretamente a realizzare gli obiettivi che tanto declama solo a parole?

Annunci

Responses

  1. PAPA RATZINGER ADERISCE ALLA COALIZIONE DI SCHIETTI CONTRO GLI INGLESI

    …Non si può dire infatti che la globalizzazione sia sinonimo di ordine mondiale, tutt’altro. L’umanità, è lacerata da spinte di divisione e sopraffazione e conflitto di egoismi. I conflitti per la supremazia economica e l’accaparramento delle risorse energetiche, idriche e delle materie prime rendono difficile il lavoro di quanti, ad ogni livello, si sforzano di costruire un mondo giusto e solidale. C’è bisogno di una speranza più grande, che permetta di preferire il bene comune di tutti al lusso di pochi e alla miseria di molti. E’ ormai evidente che soltanto adottando uno stile di vita sobrio, accompagnato dal serio impegno per un’equa distribuzione delle ricchezze, sarà possibile instaurare un ordine di sviluppo giusto e sostenibile. ( 6 gennaio 2008, Ratzinger)…

    Dal discorso di ieri sembrerebbe che il Papa abbia aderito alla coalizzione mondiale contro gli inglesi. I chiari riferimenti alla globalizzazione inglese e al Nuovo Ordine Mondiale da sostituire con un ordine mondiale più giusto e solidale sembra che non lasci adito a dubbi. Che ne pensi?

    Si tratta di una coalizione segreta, non contano le dichiarazioni d’intenti e le parole, contano i fatti. E’ in atto un genocidio, gli inglesi stanno cercando di eliminare 3 miliardi di persone.

    A voce si può anche dire di essere servi dei servi dei servi della Regina e poi nei fatti far arrivare migliaia di Serpentine ai contadini di zone semidesertiche.

    Contano i fatti, contano le dinamiche nonviolente .

    Vogliamo missionari che diano il buon esempio e distribuiscano Serpentine goccia a goccia, producano motori free energy, raccolgano foglie, costruiscano riserve di pesca ed aprano filiali di Banca Etica Autonoma come quella della Val di Vara per reinvestire gli utili.

    Non è necessario che tutti i cristiani facciano come me che lotto apertamente, pubblicamente, perchè devo dare un modello ben visibile a tutti in modo che ciascuno possa scegliere liberamente in quale dinamica applicarsi .

    Si può farlo anche clandestinamente in piccoli gruppi di amici, in comitati autonomi.

    La coalizione contro l’impero britannico, la globalizzazione inglese, sta avendo un grande succeso, però come dicevo è una coalizione segreta, ognuno deve fare la sua parte e non c’è bisogno di grandi discorsi, contano i fatti.

    Siamo in guerra contro Satana, la casa reale inglese, contro l’impero britannico, se non riesci ad attuare la tua dinamica nonviolenta per colpa dei loro metodi bastardi non aver paura a colpire un pescione grosso marcio puzzolente.

    Smettila di litigare con i tuoi familiari, con i tuoi parenti, con i tuoi amici, con i tuoi compatrioti e tutti gli altri popoli del mondo aizzato dagli agenti degli inglesi.

    Mantieni l’attenzione sulla Regina d’Inghilterra e i suoi parenti. Informati sull’Impero britannico, il Commonwealth e la globalizzazione inglese.

    100-milioni-di-tonnellate.blogspot.com/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: