Pubblicato da: lary1984 | gennaio 15, 2008

L’importante business del “passaparola” sul Web

Ormai fare pubblicità in tv è diventato un business troppo caro, infatti, ad esempio, un messaggio in tv in prima serata può costare anche 400 Euro a potenziale cliente. Proprio a causa dell’aumento esorbitante dei costi pubblicitari, soprattutto nel mezzo televisivo, dove si sa vince il più forte e il più ricco (quello che si trova sopra la curva di efficacia dell’investimento pubblicitario che è una curva logistica), è nato un nuovo modo di fare pubblicità a servizi e prodotti, un modo che sfrutta il Web (forum, community, social network) ma anche le persone in carne ed ossa: si tratta del “passaparola”.

Il consumatore è sempre più scettico, soprattutto per quanto riguarda la pubblicità tradizionale, quindi diventa più efficace e meno costoso usare un metodo antico ma sicuramente più vicino agli utenti.
“Raggiungere un ragazzo quindicenne con un messaggio televisivo in prima serata, ti costa oltre 400 euro perché i giovani che guardano la tv sono ormai pochissimi, rispetto a quelli attaccati alla rete, che solo in Italia conta 24 milioni di utenti” sottolinea il presidente di Aegis, la società che compra spazi pubblicitari sui media e che si è occupata recentemente di una ricerca sulla questione “La personalizzazione del messaggio è diventato l’obiettivo primario degli inserzionisti”.

Nasce così il cosiddetto viral marketing, cioè il marketing basato sull’invio di comunicazioni e-mail del tipo “segnala ad un amico”, sempre più presenti sui siti e sui forum. E’ così che nasce il passaparola: una persona prova un servizio e, per un vantaggio economico o semplicemente perchè trova il prodotto utile e interessante, passa l’informazione ai conoscenti. L’azienda così sfrutta i clienti stessi allo scopo di estendere il proprio target di clienti.

Per il cinema, ad esempio, la regola del passaparola è una tecnica ormai antica: vale più il consiglio dell’amico che un buon trailer o una buona recensione.

Layla Pavone, presidente italiano dell’Interactive Advertising Bureau afferma che ” la pubblicità online passerà dai 45 miliari di dollari di quest’anno, ai 75 del 2010. E il mercato italiano quest’anno fatturerà dal web un miliardo di euro”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: