Pubblicato da: lary1984 | novembre 9, 2008

Nuova COOP a Bagnolo in Piano… sentimenti contrastanti

La nuova COOP di Bagnolo in Piano (RE)

La nuova COOP di Bagnolo in Piano (RE)

Ieri mattina, 8 Novembre 2008, ha inaugurato la nuova COOP di Bagnolo in Piano (RE), sita nel nuovo centro commerciale (“Il Bagnolo”… che fantasia!) costruito da UNIECO in Via Olimpia, alle porte del paese, venendo da Cadelbosco Sopra, proprio accanto alla tangenziale Reggio – Novellara.
Un tempo in questa locazione sorgeva la celebre discoteca Hemingway, chiamata anche Spoon o Café Latino a seconda delle stagioni, che negli ultimi anni era diventata un covo di rapper e amanti dell’hip-hop e aveva perso gran parte delle sue attrattive. Il Comune di Bagnolo decise dunque di chiudere definitivamente l’unico luogo di ritrovo notturno dei giovani bagnolesi, l’unico luogo che dava una ragione per venire a Bagnolo anche a persone di fuori nei tempi d’oro della sua attività (soprattutto in estate), e costruire appartamenti, negozi, la palestra Zuccagialla, parcheggi e la COOP appunto (visto che il vecchio supermercato era ormai decrepito, piccolo e mai restaurato).

Emilianet titola così “NUOVO SUPERMERCATO COOP A BAGNOLO IN PIANO” e prosegue “ll nuovo supermercato Coop, molto atteso dagli oltre 4 mila soci bagnolesi di Coop Consumatori Nordest, è servito da ampi parcheggi e dispone di un’area di vendita di 1.360 mq, quasi tripla rispetto al vecchio negozio che verrà chiuso. Il nuovo polo direzionale-commerciale di Bagnolo in Piano, oltre al supermercato Coop comprende anche 10 negozi. Per quanto riguarda gli uffici, sono 15 e si trovano in una palazzina a 4 piani mentre nella seconda palazzina sempre di quattro piani si trova un albergo residence con 36 stanze (dotate anche di angolo cottura) che sarà inaugurato nella primavera del 2009. I lavori sono iniziati nell’aprile del 2007 e l’investimento complessivo (compresi i parcheggi che in parte diventeranno pubblici) oscilla intorno ai 10 milioni di euro“.

Cosa ne penso come socia COOP e bagnolese DOC? Da un lato, vedo positivamente la costruzione di un nuovo supermercato, più fornito e con più parcheggio, anche se lontano dal centro (per gli anziani) e portatore di traffico continuo in quella zona; e vedo positivamente la costruzione della palestra e (spero) della piscina coperta in futuro. La cosa che non mi va giu è che sia stato eliminato un importante luogo di ritrovo per i giovani e che di nuovo un’area verde e non edificata sia diventata un ammasso di cemento di qualità estetica e ambientale mediocre (politica spesso adottata dal Comune di Bagnolo che, piano piano, si sta “mangiando” anche il grosso parco cittadino pur di ricevere soldi dalle imprese edili del posto).

Detto ciò, mi chiedo: è giusto sacrificare spazi verdi e divertimenti per i giovani, pur di finanziare le spese comunali? è giusto permettere un’urbanizzazione selvaggia senza rispetto per l’ambiente e per i cittadini? anche nei vostri paesi esiste questo problema?

Advertisements

Responses

  1. É lo stesso problema degli 883 “due discoteche e 106 farmacie…” (con un deca).

    Al Comune spesso interessa di più dare spazio a nuovi shopping center che portano denaro sonante, l’investimento culturale a volte viene accantonato facendo prevalere quello consumistico.

    A Carpi hanno chiuso le piccole Coop dove gli allegri vecchietti andavano a zompettare la mattina: ed eccoci con il nuovo super complesso Il BorgoGioioso, ovvero la copia carpigiana del Grandemilia.

    Sinceramente l’unica gioia che vedo è quella del proprietario del terreno venduto per la realizzazione del centro commerciale. 😉

    Marco

  2. Gli ipermercati grandi hanno il vantaggio che tutto ciò di cui hai bisogno lo trovi in uno stesso posto, non sono totalmente contraria alla cosa… risparmi tempo e denaro, perchè le cose costano meno e non devi spostarsi di qua e di là…
    E’ vero anche che chi non ha l’auto per spostarsi e per gli anziani il discorso si fa difficile, ma non tutti i negozietti vengono chiusi, quindi qualche luogo per loro rimane sempre in centro (conad, sigma, despar…) o al massimo si fanno accompagnare ogni tanto dove possibile o mandano qualche familiare per le commissioni…
    Quello che non sopporto è come l’urbanizzazione senza precedenti negli ultimi anni stia eliminando gli spazi verdi, non parlo solo di cultura, ma soprattutto di ambiente, a Reggio e Bagnolo la situazione è veramente grave…

  3. […] estremamente offensivo. Prima ci rubano spazio pubblico e spazio di intrattenimento per i giovani (leggi qui la mia protesta), poi compiono opere pubbliche ad altissimo costo ambientale e economico (vedi il discorso del […]

  4. Brava! Ottime osservazioni! Fa piacere vedere qualche bagnolese “attivo” e non “dormiente”!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: