Pubblicato da: lary1984 | febbraio 8, 2010

Il popolo è in fermento e con la Rete (finalmente) può farsi sentire

Un esempio semplice semplice ma efficace. Grande Fratello. Il pubblico impazzisce per Mauro, uno dei concorrenti più ambigui della Casa, accusato di falsità e di essere un abile stratega, eppure tanto amato, senza una ragione precisa. Questo sconvolge gli equilibri degli autori del programma. Se, nelle edizioni precedenti, il concorrente più amato tendeva a coincidere con quello preferito dalla produzione, quest’anno si verifica un fatto assai strano. La produzione, in grande difficoltà, vuole far uscire dalla Casa il personaggio preferito dal pubblico (non si conoscono le ragioni di questa volontà), ma come fare senza perdere la fedeltà dei telespettatori?

Ed ecco la “teoria del complotto”. Gli autori fanno in modo che gli altri concorrenti si coalizzino contro Mauro, mettono in giro brutte notizie sul suo conto e lo rendono protagonista di spregevoli teatrini in diretta, cercando in tutti i modi di far uscire la parte meno nobile del suo carattere. Utilizzando i meccanismi del regolamento a proprio piacimento, fanno in modo che Mauro, il preferito, finisca addirittura in nomination. Tra il pubblico è rivolta. Tramite i social network (specialmente Facebook), i telespettatori amanti del Gf fanno squadra per difendere Mauro dall’eliminazione. E gli autori del programma non possono non tenerne conto.

Un esempio di poco conto e di relativo interesse per mostrare la potenza che la Rete può avere nel cambiare i delicati equilibri di un programma (cosa che nelle passate edizioni non era mai accaduta) e, per estensione, della politica. I partiti, infatti, non possono non tenere conto degli umori dei loro elettori, umori che si manifestano soprattutto sul web, unica forma di collegamento tra “la massa” e “i vertici”. Potenzialità che fino a poco tempo fa non esistevano.

Prendiamo, dunque, consapevolezza di questo nuovo “potere di influenza” che noi cittadini/telespettatori/elettori abbiamo e facciamone un uso ancora più forte, perchè solo così possiamo farci sentire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: