Pubblicato da: lary1984 | marzo 27, 2010

“Daybreakers”, vampiri e originale scenario futuristico

Contagiata dalla passione per i film di vampiri e licantropi, mi sono precipitata al cinema a vedere l’ultimo prodotto del genere: “Daybreakers. L’ultimo vampiro“, un film scritto e diretto dai fratelli Spierig e interpretato, tra l’altro, da un incantevole Ethan Hawke, nei panni di uno scienziato vampiro “buono” da lasciare davvero senza fiato.

Daybreakers - Ethan Hawke

Il film è basato su una storia davvero originale. Il fulcro della trama, infatti, non è quello della trasformazione da umani a vampiri (avvenuta per un’epidemia che non viene specificata), ma il processo inverso: la trasformazione (finora considerata impossibile) da vampiri a umani, insomma il ritorno alla propria condizione originaria. Accanto a questo, il tema dei vampiri si affianca a temi di fantascienza e futurismo: in una società dominata da vampiri, il problema fondamentale diventa il cibo, le scorte di sangue che cominciano a scarseggiare (perchè terminano gli umani da utilizzare allo scopo) e questo provoca disastrose conseguenze nella popolazione (il fenomeno dei subsider, vampiri che da troppo tempo non bevono sangue umano e diventano aggressivi e reietti). Gli studiosi cercano quindi di creare in laboratorio un surrogato del sangue, finchè non si trova una cura…

E’ il ribaltamento dei normali film di vampiri: essere vampiro in questo film è la norma (non l’eccezione), sono gli esseri umani a dover scappare e ad essere in minoranza. L’essere vampiri ha portato all’immortalità l’uomo e a sconfiggere le malattie umane (come il cancro), ma ha portato a conseguenze inimmaginabili: quando scarseggia il sangue è il cervello a farne le spese, insomma si impazzisce, si diventa come bestie e si perdono tutti i vantaggi e il fascino della condizione di vampiro.

In questo film la figura del vampiro perde tutte quelle caratteristiche che l’hanno resa celebre al cinema e nella letteratura degli ultimi tempi: non è più un essere da temere e allo stesso tempo da guardare con rispetto e quasi con desiderio (vedi la saga di Twilight), ma un essere con delle debolezze che possono portarlo al degrado totale. E’ come se si volesse riscattare la figura dell’essere umano (in senso letterale nel film e metaforico nella cultura contemporanea), anche se il finale dimostra che è un’operazione assai difficile.

Annunci

Responses

  1. Che bello adoro i film con vampiri! Non vedo l’ora di andare a vederlo!

  2. Sarà originale, ma io fin dalle prime battute avevo previsto l’andamento dell’intera storia.
    Probabilmente il concept è si originale, la trama no.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: