Pubblicato da: lary1984 | aprile 3, 2011

Donne, rabbia e motori in 3D con “Drive Angry”

Inizialmente i film in 3D erano soprattutto prodotti d’animazione per bambini, poi sono arrivati gli horror, i fantasy e i film musicali come “Step Up”. Adesso tocca ai lungometraggi d’azione, quelli in cui le auto veloci si abbinano alle belle donne e a qualche sparatoria come accade in “Fast & Furious”, diventare tridimensionali. E’ in uscita, infatti, “Drive Angry“, un action movie che vede protagonista Nicholas Cage nei panni di un Vin Diesel un po’ meno muscoloso ma altrettanto forte e determinato.

 

Milton è un ex galeotto indurito dalla vita che viene rispedito sulla Terra dall’inferno per la sua ultima possibilità di redenzione: deve fermare e sgominare con le cattive una setta satanica che gli ha ucciso la figlia e ha intenzione di sacrificare la nipotina alla prima notte di luna piena per aprire le porte all’avvento del demonio. Ad aiutarlo c’è Piper, una giovane e sexy cameriera che mette l’auto del suo ex fidanzato a disposizione delle imprese di Milton, che però se la deve vedere anche con la polizia che è sulle sue tracce e con un misterioso killer noto come “Il contabile” che è stato inviato dal Diavolo in persona per riportare Milton nel mondo dei morti.

Gli ingredienti di mio interesse ci sono tutti: inferno, setta satanica, demonio, sacrificio, sexy, auto, misterioso killer. Insomma, un mix di thriller, horror, azione, sexy movie e mistero. Non me lo perdo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: